INVALIDITA’: NON CONTA IL REDDITO FAMIGLIARE MA QUELLO INDIVIDUALE

 Sono state sciolte le riserve sulla questione del limite reddituale da considerarsi per la pensione d’invalidità e inabilità. Lo ha chiarito in modo netto oggi il Consiglio dei Ministri, che ha infine deliberato che il reddito del coniuge non conta, ma va valutato solo il reddito dell’interessato. Si tratta di un chiarimento da tempo atteso, poiché la confusione interpretativa era grande. Tutto era partito con una circolare INPS del dicembre scorso (la n.149/2012), con la quale si indicava il reddito famigliare come riferimento reddituale al quale attenersi per avere o non avere diritto alla pensione di inabilità. A questo era seguita una alzata di scudi di tutto il mondo della disabilità, con il ritiro della circolare stessa. La questione era stata però “congelata” in attesa di intervento definitivo da parte del Governo. Intervento che con le dichiarazioni di oggi sembrerebbe chiudere la partita una volta per tutti. 

di Giovanni Cupidi