La storia del ragazzo che si è costruito una protesi con i Lego

Quando la necessità aguzza l’ingegno: un ragazzo privo del braccio destro a causa di una malformazione, ha costruito una protesi funzionante utilizzando i pezzi della linea Technic di LEGO.

 

Tra i tanti fan del mondo colorato di LEGO c’è David Aguilar aka Hand Solo, un giovane originario di Andorra che ha dimostrato non solo di essere un abile costruttore dei celebri mattoncini, ma anche un vero e proprio “genio” della linea di giocattoli prodotti dall’azienda danese.

Nato con un braccio sottosviluppato, Solo ha sfruttato il suo handicap per costruire qualcosa fuori dagli schemi e che potesse migliorare la sua vita: a soli nove anni hacostruito la sua prima protesi utilizzando i pezzi riciclati di un set LEGO ricevuto in dono dai suoi genitori.

La svolta arriva nel mese di novembre 2018 quando Solo, ormai 18enne, ha annunciato tramite un video pubblicato sul suo canale YouTube che stava lavorando alla creazione di una protesi completamente nuova utilizzando i pezzi di un elicottero della linea Technic di LEGO:

”Sin da bambino ero ossessionato dal mondo dei mattoncini LEGO, a partire dal primissimo set che mi regalarono mamma e papà”, racconta Hand Solo al portale Great Big Story:

Ho trascorso la mia infanzia costruendo macchine, aerei, elicotteri e, infine, la mia prima protesi, anche se non era così resistente perché ho usato solo i mattoncini standard LEGO. L’appellativo ‘Hand Solo’ è nato per indicare la mia abilità di costruire set LEGO con una sola mano.

Quando ho costruito questa protesi sono rimasti tutti stupiti perché è perfetta”, racconta Solo in un nuovo video postato sul suo canale YouTube:

Solo ha raccontato di aver costruito altre due protesi, molto più resistenti e pratiche: il primo modello, chiamato MK1, è stato costruito in solo 5 giorni; il secondo modello, MK2, che ha ultimato a febbraio 2018, è quello più “evoluto” grazie alla presenza di una batteria che funge da bicipite e un cavo da pesca che permette di chiudere o aprire il braccio.

Ora posso muovermi e compiere alcune azioni manuali come se avessi un braccio vero. Posso raccogliere senza problemi oggetti caduti a terra o stringere la mano agli amici. Nessuno immaginava che con i pezzi di LEGO Technic si potesse costruire qualcosa del genere.

David Aguilar ha dimosttato che con i mattoncini danesi si può davvero costruire tutto ciò che si desidera, anche quello che fino a qualche giorno fa sarebbe stato “impensabile”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...