Principesse Disney e disabilità, un tabù non ancora sfatato

L’hanno insegnato le copertine patinate delle riviste fino a pochi anni fa, accanto ai modelli di perfezione raggiungibili grazie alla chirurgia plastica, alle diete e alle bambole di plastica che da oltre sessant’anni entrano nelle case di milioni di bambini nel mondo. Le Barbie, per l’appunto, sempre impeccabili e affiancate da uomini altrettanto idealizzati, i loro fidati compagni per tutta la vita: Ken. Bisogna essere belli, anzi bellissimi, e appunto perfetti. Come le Principesse Disney, ad esempio.

Contenuto riservato agli abbonati

Abbonati subito per accedere a tutti i contenuti.