Domotica e disabilità: vivere bene nella propria casa

La domotica fa parte della nostra vita quotidiana e la sfruttiamo per vari impieghi: è un valido alleato per la vita di tutti i giorni, ma lo è ancora di più quando viene in soccorso di persone che hanno una disabilità.

La domotica e l’autismo

Esistono degli appartamenti domotici, a Varese, creati dalla Fondazione Sacra Famiglia, con il sostegno di Fondazione Vodafone, Fondazione Pasquinelli, Spazio Blu e Harmonie Care, progettati proprio per sostenere e aiutare le persone affetta da autismo. Un progetto unico in Europa che mette la domotica a servizio della scienza.
Si tratta di appartamenti videosorvegliati, chiamati Blu Home, in cui i ragazzi possono soggiornare per dieci giorni insieme alle loro famiglie. Lo scopo è quello di osservare i ragazzi nel loro ambiente familiare e adattare al loro comportamento l’ambiente che li circonda, attraverso l’uso della domotica.
Infatti l’educatore e lo psicologo controlleranno il movimento degli elettrodomestici e delle tapparelle come delle luci, diversificandone i colori e l’intensità. In questo modo è possibile personalizzare ogni intervento in relazione ai disturbi di comportamento che la persona manifesta. Questo progetto si basa sul concetto di Superability che mira a promuovere l’autonomia e l’indipendenza delle persone affette da autismo.
Le persone che sono state seguite da questo progetto hanno sviluppato maggiori abilità cognitive (il 44%), migliori capacità di socializzazione (più 36%) e di comunicazione (più 30%). Alla fine dei dieci giorni i ragazzi tornano a casa con un programma da seguire e possono avere a disposizione un’app per degli interventi a distanza.

Domotica e disabilità

Non è la prima volta però che la domotica viene in soccorso della disabilità. Infatti, grazie al suo impiego, è possibile costruire una casa con tutto quello che serve a portata di clic. Ovviamente prima di installare un impianto domotico bisogna studiare attentamente i bisogni e le necessità della persona e gli spazi a disposizione.
Ogni impianto deve garantire una totale autonomia senza stravolgere però l’architettura della casa.

Piattaforma elevatrice

Nel caso in cui una persona non fosse in grado di salire o scendere le scale, la piattaforma elevatrice è fondamentale per gli spostamenti. Esistono diversi modelli: per scale dritte, per scale curve, da esterno o da interno. Bisogna quindi scegliere un’apparecchiatura che non vada a contrastare con l’aspetto della facciata.
Grazie a questo aiuto, per una persona affetta da questo tipo di disabilità le rampe di scale non saranno più un problema.

Illuminazione e sensori

Grazie a un sistema di sensori è possibile impostare un controllo sulle luci o per esempio sulle tapparelle. Per le persone non autosufficienti o affette da disabilità motorie si tratta di un valido aiuto.
Ogni volta che entrano in una stanza i sensori si attivano e le luci si accendono autonomamente, facilitando lo spostamento della persona per gli ambienti della propria casa.

Video e audio

Un altro grande aiuto per le persone con disabilità che tutti i giorni devo vivere la casa arriva da tutti quei dispositivi che rispondono ai comandi vocali. Vedere un film o ascoltare un po’ di musica non sarà più impegnativo, ma basterà interagire con le differenti apparecchiature che eseguiranno l’azione al posto dell’utente. (sicurezza.net)

Sostieni il Blog

Mi piace condividere buone notizie sulla disabilità. Diventa un Sostenitore, decidi tu quante quote donare!

5.00 €