Unicef. Sono quasi 240 milioni i bambini con disabilità nel mondo (1 su 10)

La nuova stima globale del numero di bambini con disabilità è superiore alle precedenti, e si basa su una comprensione più significativa e inclusiva delle disabilità, che considera le difficoltà in diversi ambiti di attività, così come i sintomi di ansia e depressione. Le aree più colpite in percentuale sono lìAfrica centrale occidentale, il Medio oriente e il Nord Africa. Mentre la percentuale più bassa si trova in Europa e Asia centrale. (Foto Unicef). IL RAPPORTO.

Secondo il nuovo rapporto dell’UNICEFConsiderati, contati, inclusi” (“Seen, Counted, Included“), il numero di bambini e adolescenti con disabilità a livello globale è stimato in quasi 240 milioni. I bambini con disabilità sono svantaggiati rispetto ai bambini senza disabilità per la maggior parte delle misurazioni del benessere dei bambini, si legge nel rapporto.

Rispetto ai bambini senza disabilità, i bambini con disabilità hanno:
  • Il 24% di probabilità in meno di ricevere stimoli precoci e cure adeguate;
  • Il 42% in meno di avere competenze di base di lettura e calcolo;
  • Il 25% di probabilità in più di soffrire di malnutrizione acuta e il 34% in più di soffrire di malnutrizione cronica;
  • Il 53% in più di avere sintomi di infezioni respiratorie acute;
  • Il 49% in più di non aver mai frequentato la scuola;
  • Il 47% in più di non frequentare la scuola primaria, il 33% in più per la scuola secondaria inferiore e il 27% in più per la secondaria superiore;
  • Il 51% in più di sentirsi infelici;
  • Il 41% in più di sentirsi discriminati;
  • Il 32% in più di subire punizioni fisiche gravi;

Il rapporto include dati comparabili a livello internazionale provenienti da 42 paesi e copre più di 60 indicatori del benessere dei bambini – dalla nutrizione e la salute, all’accesso all’acqua e ai servizi igienici, alla protezione dalla violenza e dallo sfruttamento, all’istruzione. Questi indicatori sono disaggregati per tipo di difficoltà funzionale e gravità, sesso del bambino, condizione economica e paese. Il rapporto chiarisce le barriere che i bambini con disabilità affrontano per partecipare pienamente alle loro società e come questo spesso si traduca in esiti sociali e sanitari negativi.

Questa nuova ricerca conferma ciò che già sapevamo: i bambini con disabilità affrontano sfide multiple e spesso combinate per realizzare i loro diritti“, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Henrietta Fore, che aggiunge come “dall’accesso all’istruzione, al ricevere letture a casa, i bambini con disabilità hanno meno probabilità di essere inclusi o ascoltati su quasi tutte le misurazioni. Troppo spesso, i bambini con disabilità vengono semplicemente lasciati indietro“.

Tuttavia, le esperienze delle persone disabili variano molto. L’analisi dimostra che c’è uno specchio di rischi e risultati che dipendono dal tipo di disabilità, dove il bambino vive e a quali servizi possono accedere. Ciò sottolinea l’importanza di progettare soluzioni mirate per rispondere alle disuguaglianze.

L’accesso all’istruzione è uno dei diversi temi esaminati nel rapporto. Nonostante il diffuso consenso sull’importanza dell’istruzione, i bambini con disabilità sono ancora indietro. Il rapporto rileva che i bambini con difficoltà di comunicazione e che non riescono a prendersi cura di se stessi hanno maggiori probabilità di rimanere fuori dalla scuola, indipendentemente dal livello di istruzione. I tassi di abbandono scolastico sono più alti tra i bambini con disabilità multiple e le disparità diventano ancora più significative quando si prende in considerazione la gravità della disabilità.

L’educazione inclusiva non può essere considerata un lusso. Per troppo tempo, i bambini con disabilità sono stati esclusi dalla società in un modo che nessun bambino dovrebbe mai subire. La mia esperienza di donna con disabilità conferma questa affermazione“, afferma Maria Alexandrova, 20 anni, una giovane attivista dell’UNICEF per l’istruzione inclusiva della Bulgaria. “Nessun bambino, specialmente i più vulnerabili, dovrebbe lottare da solo per i propri diritti umani fondamentali. Abbiamo bisogno che i governi, le parti interessate e le ONG garantiscano che i bambini con disabilità abbiano un accesso uguale e inclusivo all’istruzione.”

L’UNICEF lavora con i partner a livello globale e locale per aiutare a realizzare i diritti dei bambini con disabilità. “Tutti i bambini, fra cui quelli con disabilità – sottolinea una nota dell’organizzazione per l’infanzia delle Nazioni Unite –  devono poter dire la loro nelle questioni che riguardano le loro vite, e devono essere fornite loro le opportunità per realizzare il loro potenziale e reclamare i loro diritti“.

L’UNICEF chiede ai governi di:
  • Fornire ai bambini con disabilità pari opportunità. I governi devono lavorare insieme alle persone con disabilità per eliminare le barriere fisiche, comunicative e attitudinali che le tengono fuori dalla società, e garantire la registrazione delle nascite; servizi sanitari, alimentari e idrici inclusivi; istruzione equa; e accesso alle tecnologie assistive. Devono anche lavorare per sradicare lo stigma e la discriminazione nelle comunità.
  • Consultare le persone con disabilità e considerare l’intera gamma di disabilità, così come i bisogni specifici dei bambini e delle loro famiglie, quando si forniscono servizi inclusivi e un’istruzione equa e di qualità. Questo include un servizio di assistenza attento e politiche favorevoli alla famiglia, supporto alla salute mentale e psicosociale, e protezione dall’abuso e dalla noncuranza.

L’esclusione è spesso la conseguenza dell’invisibilità“, conclude Fore, rimarcando che “non abbiamo avuto dati affidabili sul numero di bambini con disabilità per molto tempo. Quando non riusciamo a conteggiare, considerare e consultare questi bambini, non riusciamo ad aiutarli a raggiungere il loro vasto potenziale”.

(quotidianosanità.it)

Sostieni il Blog

Il tuo contributo è fondamentale per poter dare un’informazione di qualità. Diventa un Sostenitore, decidi tu quante quote donare!

5,00 €