Mai è legittimo comprimere i processi decisionali di una persona con disabilità

«Già l’uso frequente, nel linguaggio comune, dell’aggettivo “disabile” non accompagnato da un sostantivo – “persona”, “minore”, “anziano” o “adulto” – rivela che la dimensione soggettiva della persona viene

Continua a leggere

1 2 3 4 5